Anna Maria Franzoni è stata ammessa alla detenzione domiciliare. La decisione, che era già circolata da diversi giorni, è stata presa dal tribunale di Bologna dopo la valutazione del supplemento di perizia. Ad avallare questa tesi un’ordinanza di 18 pagine scritte dalla giudice Sabrina Bosi. Anna Maria Franzoni è la mamma di Cogne che è stata condannata per l’omicidio del figlio Samuele avvenuto il 30 gennaio 2002 in una villetta di Montroz.

Accolta dunque l’istanza della difesa. Il provvedimento è stato preso dopo le valutazioni sul supplemento di perizia redatto dal professor Augusto Balloni. Quest’ultimo, un esperto chiamato a giudicarsi a riguardo, potrebbe portare avanti la tesi della necessità di una terapia psichiatrica di sostegno. Il provvedimento è immediatamente esecutivo. La Franzoni, nella sua casa di Monteacuto Vallese, in provincia di Bologna, riabbraccerà il marito e i due figli, di 18 e 11 anni.

LEGGI ANCHE

Anna Maria Franzoni libera: Carlo Taormina fa causa alla Franzoni “Mi deve 800 mila euro”

Delitto di Cogne: sono passati 12 anni dall’infanticidio più mediatico della storia italiana

Anna Maria Franzoni libera: condannata per aver ucciso suo figlio potrà uscire del carcere