Il giudice per le indagini preliminari di Pavia ha archiviato l’inchiesta su Andrea Sempio, il ragazzo indagato per l’omicidio di Chiara Poggi. Ricordiamo che per quello che è noto come delitto di Garlasco è attualmente in carcere Alberto Stasi, ex fidanzato di Chiara, condannato in via definitiva a sedici anni di reclusione. Andrea Sempio era invece stato coinvolto all’interno delle indagini sul delitto di Garlasco dopo che i legali di Stasi avevano depositato al procuratore generale di Milano i risultati di alcune indagini genetiche compiute.

La posizione di Andrea Sempio è stata archiviata dopo che il gip di Pavia ha deciso di accogliere l’istanza del procuratore aggiunto Venditti e del pubblico ministero Pezzino, con la quale si escludeva categoricamente ogni responsabilità in capo al giovane, all’epoca dei fatti diciottenne e amico di Chiara Poggi. La posizione di Sempio è stata archiviata anche perché il gip avrebbe riscontrato “l’inconsistenza degli sforzi profusi dalla difesa Stasi e tendente a rinvenire un diverso, alternativo colpevole dell’uccisione di Chiara Poggi”. I legali di Sempio potranno valutare a questo punto un’eventuale azione per tutelare l’onorabilità del proprio assistito.

Il procuratore Venditti e il pubblico ministero Pezzino non avrebbero riscontrato alcuna corrispondenza fra il materiale genetico rinvenuto sui reperti ungueali di Chiara Poggi e il dna di Andrea Sempio. Hanno inoltre precisato che: “Il materiale genetico estratto dai reperti ungueali della vittima non è idoneo ad effettuare nessun confronto, poiché i risultati emersi dalle tre estrazioni di Dna nelle tre prove effettuate dal perito sono divergenti ed incostanti, quindi del tutto inaffidabili“.

I legali di Alberto Stasi hanno però confermato la volontà di andare avanti e a breve potrebbero presentare un’istanza di revisione del processo sul delitto di Garlasco (unica soluzione percorribile dopo la condanna in via definitiva e che non viene preclusa neppure dall’archiviazione dell’inchiesta su Sempio).