Emergono nuovi particolari sulla drammatica uccisione di Sara Di Pietrantonio e sul periodo precedenza all’omicidio confessato dall’ex fidanzato Vincenzo Paduano. Sarebbe saltata fuori anche un’aggressione che Sara avrebbe subito una settimana prima che la vita le venisse strappata. In quella occasione la giovane era stata protetta dal nuovo fidanzato Alessandro, che in qualche modo si era messo in mezzo tra i due cercando di calmare Paduano, guardia giurata.

Sempre da quanto risulterebbe dalle indagini, la sera prima che Sara venisse uccisa lei e l’ex fidanzato avrebbero avuto un colloquio sotto casa della ragazza: sarebbe stato proprio in questa occasione che la ventiduenne avrebbe avvisato Paduano della sua nuova relazione. Tutti particolari che starebbero emergendo dal lavoro degli inquirenti, che stanno ricostruendo gli ultimi istanti della vita di Sara e del suo ex fidanzato.

Dai verbali sarebbe risultato anche che secondo Sara Paduano sarebbe stato una brava persona che sta soffrendo. Nel contempo però, Sara avrebbe proceduto anche a cambiare la sua password di Facebook perché l’ex fidanzato sarebbe riuscito ad intercettarla più volte, in quanto esperto di informatica. Paduano sarebbe andato fuori di testa anche perché avrebbe visto Sara baciare il suo nuovo fidanzato e proprio in seguito all’episodio le avrebbe in qualche modo assicurato che l’avrebbe pagata.

Oltre alla confessione dell’uomo, ad incastrare Paduano ci sono stati anche i video delle telecamere di sorveglianza e le testimonianze dei parenti della ragazza e di due persone che passavano in moto al momento del fatto accaduto sulla via Magliana.