Un giovane detenuto nel carcere romano di Rebibbia è stato stuprato dai due compagni di cella. I due detenuti di 24 e 20 anni avrebbero abusato del compagno dopo avergli somministrato dei tranquillanti. Il reato di stupro è stato accertato dagli inquirenti a seguito della denuncia presentata dalla vittima a marzo del 2016. Il giovane ha raccontato alla polizia penitenziaria che i suoi due compagni di cella lo avrebbero minacciato con un coperchio di latta, puntandoglielo all’altezza della gola per mettere a tacere le sue proteste.

Dopo averlo costretto a ingerire dei farmaci sedativi i due lo avrebbero stuprato a turno. I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare ai due pregiudicati. I giovani dovranno rispondere dell’accusa di stupro e di atti persecutori. I detenuti, oltre a violentare il compagno di cella, lo avrebbero anche costretto a servirli e gli avrebbero sottratto i beni portati in dono dai familiari durante le visite. L’obiettivo degli atti intimidatori era di affermare la loro supremazia sul compagno di cella.

La direzione del carcere di Rebibbia ha già provveduto al trasferimento dei due detenuti responsabili dello stupro. Uno dei giovani accusati della violenza sessuale è coinvolto nell’omicidio del manager tedesco Oliver Degenhardt, trovato morto nel suo appartamento di San Lorenzo il 7 novembre del 2015.

A finire nei guai con le autorità carcerarie sono stati anche i detenuti che hanno assistito alle violenze e non hanno soccorso il giovane. Gli altri compagni di cella pagheranno la loro indifferenza ai soprusi subiti dal compagno con dei provvedimenti disciplinari.

Stupri in carcere: detenuti giovani sono i più colpiti

I casi di violenza sessuale nelle carceri italiane purtroppo non sono isolati. Già nel 2010 l’associazione per i diritti umani EveryOne aveva denunciato le violenze subite dai detenuti più giovani, causa di numerosi suicidi in carcere:

Oltre allo stupro anale, i detenuti vengono spesso costretti a praticare la fellatio e altre forme di sesso coatto.