È ufficiale: Alessandro Di Battista lascia la politica. Durante una diretta su Facebook, l’esponente del Movimento Cinque Stelle ha annunciato di non voler entrare in Parlamento nella prossima legislatura. “Non nego che la nascita di mio figlio è come se avesse dato ancora più benzina a una scelta che era già presa. Quando ti nasce un figlio, inizi a pensare moltissimo al tuo futuro, alle tue reali aspirazioni e ai tuoi sogni. E tra i miei sogni c’è la scrittura: continuare a combattere dal punto di vista politico anche attraverso la controinformazione e la scrittura” ha dichiarato.

Parteciperà comunque alla campagna elettorale del Movimento Cinque Stelle che sosterrà da attivista e non più da politico. Nessun dissidio né con Beppe Grillo né con Luigi Di Maio a cui ha riservato parole di grande stima ed affetto: “Beppe è un esempio mentre Luigi è un fratello. Non ci sono divisione nel Movimento“. Quella di non candidarsi, dunque, è “una scelta umana e mia” ha precisato.

“Prima mi occupavo di cooperazione internazionale e scrivevo per il blog. È quello che voglio continuare a fare per un po’, dall’estate prossima e quindi dopo la campagna elettorale: partire e andare in alcuni luoghi del mondo per raccogliere idee, esperienze e proposte di politica innovativa” ha concluso.