Era il 23 agosto quando Francesco Calcagno veniva ucciso nella sua proprietà, nei pressi di Palagonia. L’uomo non era nuovo alle forze dell’ordine visto che, nel 2016, aveva ucciso il consigliere comunale di Palagonia Marco Leonardo, a seguito di una lite al bar per motivi economici. Lui si era giustificato sostenendo di aver reagito per legittima difesa visto che anche la vittima sarebbe stata armata. I giudici gli avevano creduto e l’uomo era finito ai domiciliari, ritornando da poco a Palagonia dove, però, qualche giorno fa è stato freddato.

Secondo gli inquirenti, dunque, potrebbe esserci un collegamento tra la morte del consigliere comunale e quella di Francesco Calcagno: il killer potrebbe aver agito per vendetta. Ma siamo ancora nel campo delle ipotesi. Prima sarà necessario individuare l’omicida che, nel video diffuso dai Carabinieri di Catania, si vede in azione. “Al fine di poter concorrere all’identificazione” del killer – si legge nella nota – e “d’intesa con la Procura della Repubblica di Caltagirone”, sono stati diffusi fotogrammi e video che ritraggono l’omicida.

Adesso gli inquirenti chiedono aiuto alla popolazione: “Eventuali informazioni sull’autore possono essere comunicate, anche in forma anonima, ai numeri 095/2509227 e 331/3767225 presso il Comando provinciale dei Carabinieri di Catania”.

Solo così si potrà restituire giustizia e verità alla famiglia della vittima.