E’ stata una giornata faticosa, una giornata piena. Una giornata che difficilmente dimenticheremo. Confrontarsi con persone dai background più disparati ci permette sempre di avere una visione più ampia. Con Don Antonio Mazzi è stato proprio così. Ci ha aperto gli occhi su tante cose. “Don, in homepage stiamo puntando sulla scomparsa della Lancia. Il titolo dice: Italia sempre più in crisi”. E qui già la prima bella lezione: “La notizia è terribile, ma vorrei che il sito facesse sorridere le persone – ci ha spiegato Don Mazzi – Capitemi bene: sorridere di speranza. Dobbiamo portare ottimismo”.

Questo è stato il primo grande insegnamento. A volte abbassi la testa e pedali. Pedali talmente forte da non vedere più dove stai andando. Noi questo errore cerchiamo di non farlo. Mai. La nostra linea prevede notizie originali, approfondimenti utili per riflettere. Ma le parole di Don Mazzi ci hanno dato una ulteriore grande carica.

Il Don ha voluto puntare su due figure molto interessanti: Papa Francesco e Matteo Renzi. Chiare le sue parole: “Hanno sconfitto quel idolo pagano che conosciamo con il nome di burocrazia. Stanno cambiando le cose”. La riunione di redazione è poi proseguita discutendo sul Maalox di Beppe Grillo e sui sondaggi perennemente sbagliati.

Molto interessante la lunga chiacchierata che abbiamo fatto sulle dipendenze, con particolare attenzione al tanto tempo che si passa sui social network: “Una dipendenza non è mai positiva” ci ha detto in modo secco.

Infine i giovani e il pessimo rapporto con l’alcol, che pare avere preso il posto delle droghe leggere. Ultimo punto da trattare: la scuola e l’educazione civica. La scuola dovrebbe trasmettere dei valori. Dovremmo ricordarlo a tutti.

Grandi insegnamenti da parte di un grande uomo. Li terremo a mente, Don. Promesso.

(A breve vedrete tutti i video. Compresi quelli girati con Beppe Carletti, leader dei Nomadi che è stato con noi in mattinata. Con lui abbiamo parlato di musica e internet!)

LA RUBRICA:
Direttore per un giorno: Paolo Andreucci “guida” Leonardo.it.