Violenza sulle donne, il corpo delle donne nei media, donne troppo vestite, donne troppo nude… Se ne parla troppo. Ecco.

Dai pseudo intellettuali che considerano uno shorts o un rossetto rosso l’arma che porta l’uomo a scatenare la sua violenza verso un corpo femminile, a chi se la prende con gli stereotipi, a chi definisce il curvy una fisicità che richiama alla sensualità… In tutto ciò io trovo una certa ottusità: sono loro stessi imprigionati dentro alle definizioni, alle etichette, ad un mondo che non va oltre. Si parla tanto di libertà e poi ci si indigna se una persona vuole essere davvero libera. Come facevano nel ’68 in cui la nudità era una forma di protesta? O come oggi, Amina, che usa il suo seno per comunicare contro uno Stato che non rappresenta i diritti delle donne?

Oggi dietro a certi comportamenti il dito è puntato contro chi questa libertà la usa. Troppo svestita? Puoi essere stuprata. Troppo carattere? Puoi essere violentata. Non ci sto più a questo gioco al massacro. A questo collezionare parole che porta a “giustificare” comportamenti che dovrebbero essere puniti dalla giustizia italiana in breve tempo e invece trovano alibi e tempi dilatati. ”Le donne non vanno uccise, vanno scopate” frasi sensazionaliste all’interno del Consiglio della Regione Lazio finché si parlava di femminicidio (Fonte DIRE ). Rabbrividisco.

Siamo sempre li: la donna è considerata un oggetto anche da chi vorrebbe difenderla da questo assurdo destino. Devo ancora sentire qualcuno che parla di amore: le donne vanno Amate. Le donne vanno capite, le donne vanno ascoltate. Le donne hanno bisogno di dolcezza, coccole, comprensione, abbracci, stima, rispetto, complicità. Le donne vanno sedotte, considerate, appoggiate, sostenute. Le donne, così come gli uomini, hanno bisogno di amore e comprensione. La solitudine che invade la nostra era è il vero male. Il puntare continuamente il dito contro tutto e tutti, il sentirsi al di sopra degli altri, questo non porterà a nulla.

Senza l’amore, non si andrà da nessuna parte. Dovremmo provare a partire da li.

(Seguite Elisa anche sul suo sito ufficiale: Elisadospina.com!)

Leggete anche:

Red Ronnie Roxy Bar: 40 anni di vita in musica

Uomini stalking: le cinque categorie che li identificano.

Miss Italia selezioni: quelle taglie 44 considerate grasse dalla RAI.

Vittoria Schisano ci svela: “Sono libera e tormentatamente serena”.

Legge contro Anoressia in Israele: un passo forte e importante per la moda.

Photoshop ha cambiato il nostro modo di vedere le foto?

e-Commerce: una realtà che conosce poco la crisi.

Pubblicità volgari: quando lo slogan mortifica le donne.

photo credit: chelodesign via photopin cc