È finito dietro alla sbarre il ragazzo di 27 anni che negli scorsi giorni aveva picchiato in maniera brutale un uomo di 37 anni disabile. La scena era stata ripresa attraverso uno smart phone ed era poi diventata virale su Internet, suscitando un grande clamore.

Il video del disabile picchiato all’infuori di una discoteca di San Teodoro, celebre località di villeggiatura estiva della Sardegna, aveva provocato una forte indignazione per il terribile gesto compiuto dal ragazzo, ma anche per alcuni commenti che prendevano le sue parti.

In seguito alle enormi polemiche che quel video aveva causato, il 27enne di Sassari che ha picchiato il disabile aveva provato a scusarsi, sempre tramite i social network. In un post aveva infatti scritto: “Come pubblicamente è stato il male, sarà anche il bene, perciò chiedo scusa al ragazzo a cui ho fatto del male”.

In un altro post, successivamente rimosso per le ulteriori polemiche che ne erano nate, il ragazzo autore del pestaggio nei confronti del disabile psichico aveva persino cercato di giustificare il suo spregevole atto, sostenendo: “Sottolineo non è un invalido e che l’accaduto non è privo di motivazioni se pur ugualmente ingiustificabile”. L’aggressore in quel post chiedeva inoltre “scusa (anche) alla mia famiglia e scusa agli amici e non, che hanno dovuto vedere questa merda di video”.

Ora il 27enne è finito in manette ed è stato portato nel carcere di Nuoro, dove si trova attualmente detenuto.