Sono in atto in questi giorni, nel Porto di Genova, le operazioni di dragaggio che stanno tentando di rendere più profondo il fondale onde evitare problemi alle imbarcazioni che attraccano al porto della città.

Questi lavori creano però molti disagi ai cittadini che non cessano di lamentarsi chiedendo di fermare le operazioni di dragaggio.

Dal canto loro però Assagenti, Assitermina, Confindustria Genova, Confitarma e Spediporto cercano di spiegare alla popolazione genovese che vive vicino al porto quanto questi lavori siano necessari, ribadendo il difficile periodo economico e sottolineando come invece Genova stia riuscendo a distinguersi soprattutto grazie alla sua capacità di accogliere navi di grandi dimensioni, che siano esse parte del traffico di contenitori che crocieristico.

In un comunicato congiungo, le parti spiegano che “i dragaggi attualmente in corso nel porto industriale, attesi e auspicati da tempo aumenteranno questa capacità, contribuendo alla crescita delle attività portuali con importanti ricadute economiche e occupazionali sull’intera comunità genovese e ligure”.