Depositata una memoria, con allegati, da parte di Veronica Lario, ex moglie di Silvio Berlusconi, riguardante la loro causa di divorzio, intentata dalla stessa ex signora del Cavaliere, sull’udienza che prevederebbe un assegno di mantenimento da 36 milioni di euro all’anno. Il deposito della memoria ai giudici d’appello di Milano è l’atto formale di costituzione, in vista dell’udienza, nella causa di separazione dove l’ex marito, Silvio Berlusconi, ha presentato un’istanza d’urgenza per sospendere l’assegno annuale di mantenimento.
A stabilire la cifra di 36 milioni all’anno era stata una sentenza del tribunale del dicembre scorso; l’ex marito ha considerato la cifra sproporzionata e l’ha impugnata. La causa di divorzio persa da Silvio Berlusconi è durata cinque anni, dopo la sentenza definitiva aveva fatto molto discutere il fatto che Veronica Lario (foto by InfoPhoto) avrebbe dovuto percepire 100 mila euro al giorno dall’ex marito.
Da qui l’istanza d’urgenza di Berlusconi per sospendere l’assegno e la conseguente memoria di oggi, con tanto di allegati, di Veronica Lario che non ne vuole sapere di vedere ridotti i fondi che le spettano.