Un docente di 40 anni residente a Bologna è finito in manette per aver baciato una sua alunna. L’arresto è avvenuto al culmine di un’indagine avviata circa due settimane fa, a seguito della denuncia di molestie presentata dai genitori della studentessa. La ragazza, una quindicenne che frequenta l’istituto tecnico-industriale di Forlì, si era confidata con i genitori, lamentando le attenzioni morbose e la continua ricerca di un contatto fisico da parte del nuovo docente di fisica.

Un atteggiamento anomalo che non era passato inosservato al resto della classe. I compagni di scuola si erano insospettiti per il troppo tempo trascorso dalle studentesse nell’aula in cui il docente effettuava delle attività didattiche. Gli inquirenti hanno iniziato a spiare le mosse del docente, piazzando una telecamera a scuola per coglierlo sul fatto. Gli agenti hanno effettuato un blitz nello stanzino usato dal docente per ricevere gli alunni e attardarsi con le studentesse. Un intervento tempestivo, per evitare che la situazione degenerasse mettendo in pericolo l’alunna. L’uomo, inchiodato dal video in cui riusciva a baciare l’alunna al quarto tentativo, ha cercato di difendersi, sostenendo che la ragazza gli era sembrata consenziente. Una tesi sostenuta anche dal suo difensore, l’avvocato Francesco Roppo.

Il docente nell’interrogatorio con il sostituto procuratore Laura Brunelli ha dichiarato di aver scambiato per arrendevolezza la paura della studentessa, che rimaneva come impietrita di fronte agli strusciamenti del docente e alle avances sempre più spinte. Tra le scuse accampate dal professore, ritenute inattendibili dagli inquirenti, figura addirittura la volontà di mettere a suo agio la studentessa ricorrendo alle effusioni indesiderate.

Il docente è stato condotto dagli uomini della squadra mobile nel carcere romagnolo della Rocca. Il quarantenne dovrà rispondere di violenza sessuale con le aggravanti della minore età della vittima e dell’abuso di autorità. Gli inquirenti continuano a indagare per scoprire se altre studentesse sono rimaste vittime delle molestie del professore.