La Corte d’appello di Milano ha condannato ad un anno e sei mesi gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana per omessa presentazione della dichiarazione dei redditi. Piccolo sconto di pena, quindi, per i due titolari della maison che in primo grado, lo scorso giugno, era stata di un anno e otto mesi (pena sospesa).

”Sono senza parole, sono allibito e ricorreremo di sicuro in Cassazione”, ha detto l’avvocato Massimo Dinoia, legale dei due soci: ‘‘Lo stesso pg aveva chiesto l’assoluzione per loro, perché aveva capito, così come aveva capito già il gup nel 2011 che li aveva assolti”.

Il sostituto pg Gaetano Santamaria Amato, infatti, rappresentante dell’accusa nel secondo grado, aveva chiesto loro l’assoluzione parlando, tra le altre cose, di un’operazione ”perfettamente lecita”.

(Foto by InfoPhoto)