Un messaggio choc e una telefonata in diretta alla trasmissione televisiva “Chi l’ha visto” gettano nuova luce sulla morte di omenico Maurantonio, il liceale deceduto a Milano nella notte tra sabato 9 e domenica 10 maggio per una caduta dal quinto piano. Il messaggio choc è una conversazione presa da Whatsapp, avvenuta circa un giorno dopo i criti, in cui un presunto testimone della vicenda racconta che “l’altra sera dei ragazzi di una scuola di Padova sono venuti da noi in hotel… di notte si sono ubriacati e hanno deciso di fare scherzoni“.

Prima si sono “messi a defecare per il corridoio del quinto piano“, ma questo non sarebbe bastato. Uno di loro in particolare “per fare il figo decide di mettersi sul cornicione per farla dalla finestra … Quindi si fa tenere per le braccia dagli amici e a un certo punto vola giù. Morto. Gli amici non hanno detto nulla a nessuno e sono tornati in stanza. Il corpo è stato trovato il mattino dopo“.

Questo messaggio è stato mostrato nel promo che annuncia il programma. Durante la trasmissione poi, la conduttrice Federica Sciarelli si è collegata con una persona di nome Gianluca. L’uomo ha raccontato di aver trovato un post su Facebook in uno dei gruppi a cui è iscritto che riguardava la morte di Maurantonio ed insieme c’era anche un’immagine che riportava una schermata di WhatsApp.

La conduttrice ha aggiunto anche “Non sappiamo se sia uno scherzo di cattivo gusto” – anche il giovane intervistato dalla Sciarelli per la schermata di Whatsapp afferma di non sapere se “sia una burla“. A dare forza all’ipotesi della “festa alcolica” finita male c’è un particolare che è trapelato dalle fonti investigative: la polizia avrebbe sequestrato, nelle stanze dei compagni di scuola di Domenico, diverse bottiglie di superalcolici. Ovviamente noi seguiremo gli sviluppi della vicenda e vi terremo informati.