17 arresti per il calcio scomemsse, Doni tenta la fuga

Brutto epilogo per l’inchiesta sul calcio scommesse emerso quest’estate, Cristiano Doni ex capitano dell’Atalanta e idolo dei propri tifosi ieri ha ricevuto una brutta visita, a suonare il campanello è stata la polizia, il calciatore ha tentato sembrerebbe aver tentato la fuga verso il garage ma è stato prontamente fermato dagli agenti.
Ieri è stata una giornata nera, oltre a Doni sono state arrestate anche altre 16 persone, l’ex capitano dell’Atalanta sembrerebbe essere uno dei nomi di spicco all’interno dell’associazione, secondo alcune indiscrezioni sembrerebbe essere coinvolta nel calcio scommesse anche la camorra con la complicità di un’associazione mafiosa asiatica.
Secondo gli investigatori era possibile scommettere sulle partite italiane su internet tramite alcuni bookmakers di Singapore con la possibilità di riscuotere il denaro la vincita in Italia.
A svelare i trucchi escogitati per le scommesse è stato il pentito Crtvak di origini slave, lo stesso pentito ha confermato che tra le partite incriminate spunta la famosa Napoli Vs Sampdoria terminata con il risultato di quattro a zero, in effetti per quella partita era stato registrato un flusso anomalo di giocato sull’over.
Ora ci sarà il pugno duro delle istituzioni non appena termineranno le indagini.