Una domenica di orrore ha sconvolto il quartiere dell’Eur, a Roma. Una villa, tracce di sangue che conducevano ad uno scantinato: questa è la scena che gli agenti hanno trovato dopo essere accorsi in seguito ad una segnalazione al 118 per una lite. Entrati in casa, i poliziotti e i vigili del fuoco hanno trovato una donna uccisa, decapitata. Vicino a lei un uomo sporco di sangue, vestito di abiti mimetici, anfibi ed una maschera; soprattutto, impugnava una mannaia.

Gli agenti sono arretrati fino a tornare in giardino. Ad un certo punto l’uomo si è scagliato contro i pompieri e stava per colpire uno di loro, mentre tentava di raggiungere la sua auto parcheggiata in giardino. I poliziotti hanno fatto fuoco. Uno dei proiettili lo ha colpito al torace. E’ morto poco dopo il trasferimento all’ospedale.

Lui si chiamava Federico Leonelli, aveva 35 anni. La donna assassinata decapitata era la domestica di casa. Il suo nome era Oksana Marteseniuk, 38 anni, di nazionalità ucraina.