È giallo sulla morte di una donna ritrovata dai Carabinieri in valle di Susa a Beaulard, vicino ad Oulx, all’interno di una 500. Della 52enne non si avevano più notizie dal 26 aprile  scorso quando aveva fatto visita al suo cavallo che si trovava in un maneggio nel Torinese. Da quel momento di lei si erano perse le tracce: nessuna segnalazione, nessuna chiamata. La famiglia aveva persino offerto 2mila euro a chiunque avesse fornito informazioni utili al suo ritrovamento. “Silvia, se ci stai guardando, sappi che puoi vivere come vuoi. Fai avere tue notizie a mamma e papà. Facci sapere che stai bene” era stato l’ultimo appello del fratello intervenuto a “Pomeriggio Cinque”.

Torino, la donna era scomparsa il 26 aprile

Sul corpo della donna verrà effettuata l’autopsia per stabilire le cause del decesso. Gli inquirenti, però, propendono per la pista del suicidio visto che sarebbe morta a causa dell’assunzione di alcuni farmaci.

I carabinieri, coordinati dal pm Dionigi Tibone, adesso, vogliono vederci chiaro: per questo motivo le indagini proseguono senza sosta. L’ultimo messaggio che la donna aveva mandato dal suo cellulare era indirizzato al compagno, un imprenditore: “Bacio ok, a oggi pomeriggio” aveva scritto. Poi, però, aveva disdetto l’appuntamento dal parrucchiere lasciando nell’armadietto del maneggio cellulare e portafogli. E da quel momento non si è fatta più sentire.