In Brianza una donna di 64 anni è stata assassinata a colpi di pistola mentre si trovava in strada. Subito dopo il brutale omicidio, è stata trasportata, d’urgenza, all’ospedale San Gerardo di Monza dove è stata immediatamente sottoposta ad una delicata operazione ma non ce l’ha fatta. E’ immediatamente deceduta. Era arrivata al nosocomio in arresto cardiaco. Stando alle prime informazioni trapelate, alla base del tragico gesto, commesso – secondo i carabinieri – dall’ex convivente della vittima, ci sarebbe una lite scoppiata in via Gramsci a Seregno.

Uccisa con una pistola dal suo ex

La vittima è una donna di 64 anni, originaria di Seregno. Il suo ex convivente, invece, è stato fermato dai Carabinieri a Cinisello Balsamo mentre si trovava a bordo della sua auto, in fuga con la pistola che avrebbe usato per compiere l’omicidio. Adesso l’uomo, un 56enne con alcuni precedenti penali, originario di Rosarno, è accusato di omicidio volontario: avrebbe colpito la donna con diversi colpi al torace.

Il racconto dei testimoni

Alcuni testimoni, infatti, hanno raccontato di aver udito intorno alle sette di sera alcuni colpi d’arma da fuoco al punto che alcuni di loro, preoccupati, hanno allertato il 118. La donna – in quegli attimi – si presentava, sanguinante, in strada, e priva di sensi. Agli inquirenti è stato riferito che a sparare sarebbe stato un uomo che poi si sarebbe allontanato in direzione Desio. Per questo motivo il principale sospettato rimane l’ex convivente.