A 306 anni dalla sua nascita, Google oggi ricorda Leonard Euler, matematico e fisico di origine svizzera. Un altro omaggio a uno scienziato dopo quello recente alla naturalista Anna Maria Sibylla Merian e al famosissimo Niccolò Copernico. Meno noto forse Euler, conosciuto in Italia come Eulero, ma non meno importante la mole delle sue scoperte. Considerato il più grande matematico dell’Illuminismo, vanta scoperte in moltissimi campi, dall’analisi infinitesimale alla teoria dei numeri.

Nato a Basilea nel 1707 e morto a San Pietroburgo, 76 anni dopo, ha realizzato un elenco infinito di formule, teoremi, metodi, criteri, relazioni ed equazioni. Fondamentali anche i suoi studi nella geometria, come ricorda il Doodle, che lo celebra inserendo nel tra le lettere del motore di ricerca cerchi, triangoli ed ellissi oltre che formule fisiche. In tutto si contano 886 sue pubblicazioni.

Dal suo nome derivano l’aggettivo “euleriano”, usato per il ciclo euleriano, il grafo euleriano, la funzione euleriana di prima specie, la catena euleriana e i numeri euleriani. Fu prevalentemente un matematico ma diede importanti contributi anche alla fisica, soprattutto nella meccanica classica e celeste, con le sue equazioni e la determinazione di orbite e comete.