Google oggi ha celebrato i 129 anni dalla nascita di Hermann Rorschach, celebre psicanalista inventore del test psicodiagnostico basato sull’interpretazione di macchie di inchiostro.

Lo scarabocchio che appare sul motore di ricerca rappresenta proprio lo psicanalista all’interno del suo studio, e alle prese con un paziente che deve interpretare le 10 tavole che gli vengono mostrate (clicca qui per saperne di più). Hermann Rorschach nacque nel 1884 a Zurigo, la “capitale svizzera della psichiatria” dell’epoca.

Figlio di un maestro d’arte, ed estremamente dotato di talento artistico lui stesso, al termine delle scuole superiori rimase a lungo in dubbio sulla carriera da perseguire. Durante gli anni della scuola si era appassionato di un gioco all’epoca assai diffuso, la Kleksografia (consistente nel versare macchie di inchiostro colorato in un foglio di carta, che veniva poi ripiegato in due per ottenere effetti simmetrici). Indirizzatosi infine verso la Medicina, si laureò nel 1909 e si specializzò poi in Psichiatria, sotto la guida di Bleuler stesso.

Nel corso degli anni ’30 e ’40 iniziano ad essere quindi poste le prime basi dei diversi sistemi di “siglatura” attualmente esistenti del suo test, conosciuto come il Test di Rorschach. Oggi deve la sua fama soprattutto alla creazione di un originale metodo psicodiagnostico creato indipendentemente dai presupposti freudiani. Tale metodo, detto Test di Rorschach, si avvale di una serie di dieci tavole coperte di macchie d’inchiostro nere o policrome che il paziente deve interpretare.

Il gioco del Doodle di oggi, a lui dedicato, ha mandato letteralmente in visibilio gli utenti, tanto da diventare una tra le più popolari tendenze su twitter #HermannRorschach ecco tutti i tweet sul social network:


photo credit: MooseBot via photopin cc