Un efferato omicidio ha scosso gli abitanti di Cetraro, comune di 10 mila anime in provincia di Cosenza.  La vittima è Anna Giordanelli, una dottoressa di 53 anni molto nota nel piccolo centro dove esercitava la professione di medico di base. La donna, sposata con un geologo che lavora al Comune di Cetraro, lascia due figli.

La dottoressa Giordanelli è stata uccisa mentre faceva jogging alla periferia della cittadina. La morte secondo il medico legale sarebbe sopraggiunta a causa di una ferita alla testa provocata da un corpo contundente. Il colpo avrebbe ucciso la donna all’istante. Dall’esame del medico legale è risultato che il cranio era completamente fracassato. La donna non presentava altre fratture o ferite sul corpo. Un particolare che ha fatto subito escludere agli inquirenti che la dottoressa fosse stata investita.

A ritrovare il cadavere della dottoressa riverso sul marciapiede in via San Francesco sono stati alcuni passanti che inizialmente hanno pensato a un malore e hanno immediatamente lanciato l’allarme contattando il 118. I soccorritori hanno subito intuito la natura violenta del decesso e hanno allertato le forze dell’ordine. Gli inquirenti giunti sul posto hanno individuato l’arma del delitto lasciata dall’assassino a pochi passi dal cadavere. Si tratterebbe di un piede di porco. L’arma è stata sequestrata e verra sottoposta ad analisi per ritrovare le impronte dell’omicida.

Il movente dell’omicidio al momento è ignoto: la dottoressa era molto amata e rispettata nel piccolo centro. Le autorità locali hanno sentito i familiari per cercare di ricostruire gli ultimi movimenti e contatti della donna. Stando alle ultime informazioni trapelate gli inquirenti avrebbero già fermato un sospettato che è sotto interrogatorio. L’inchiesta per il brutale omicidio è coordinata dal procuratore della Repubblica di Paola Bruno Giordano che ha disposto l’autopsia sul cadavere della donna. Interpellato dai media locali il procuratore ha dichiarato:

Tutte le ipotesi sono al vaglio e, al momento, non mi sento di escluderne nessuna. Dobbiamo valutare tutti gli elementi possibili prima di poter formulare ipotesi complete sulla natura di questo omicidio che al momento appare indecifrabile. Prima di poter dire qualcosa di concreto, dunque, dobbiamo aspettare l’informativa dei Carabinieri e l’esito dell’autopsia.