Maxi blitz della polizia contro un’organizzazione criminale ritenuta legata alla ‘ndrangheta e che avrebbe gestito, di fatto, un grosso traffico di cocaina proveniente dalla Colombia e destinato al mercato italiano. A eseguire le ordinanze di custodia cautelare sono stati gli agenti della Squadra Mobile di Reggio Calabria, del Servizio centrale operativo, coordinati dalla Dda.

Diversi gli arresti e le perquisizioni in alcune regioni italiane nei confronti di soggetti ritenuti vicini alle famiglie Morabito-Bruzzaniti-Palamara.

Droga dalla Colombia, 25 indagati

Gli indagati, stando alle prime indiscrezioni, sarebbero oltre 25: l’accusa è di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga. Perquisizioni anche a Milano, Napoli, Bologna e Pescara per un’associazione criminale che avrebbe operato, secondo gli inquirenti, tra Italia, Colombia, Perù, Spagna e Repubblica Domenicana. Un enorme giro d’affari che avrebbe fruttato centinaia di migliaia di euro.

Sequestrati 35 chili di droga

Nella maxi inchiesta sarebbe coinvolto anche un sudamericano che avrebbe condotto le trattative con la ‘ndrangheta al fine di aprire un vero e proprio canale di importazione della cocaina tra l’Italia e la Colombia. Intanto la polizia ha sequestrato 35 chili di cocaina.

Droga dalla Colombia, indagato un finanziere

Ad inquietare è, infine, la presunta complicità di un finanziere e di un vigilante, che sarebbero già indagati, poiché lo stupefacente sarebbe arrivato in Italia persino via aerea con corrieri adibiti al trasporto della droga in valigie.