La polizia ha identificato e arrestato i responsabili dell’agguato in pizzeria a Brescia, costato la vita ai titolari, i coniugi Francesco Seramondi e Giovanna Ferrari. A macchiarsi dell’efferato delitto, compiuto alla pizzeria da asporto Da Frank l’11 agosto scorso, sono stati due concorrenti delle vittime, un pakistano e un indiano.

I due assassini conoscevano le vittime perché avevano rilevato la loro pizzeria da asporto Dolce e salato, situata di fronte al locale Da Frank in cui è avvenuto il duplice omicidio. L’attività era fallita poco tempo dopo l’acquisto delle quote, scatenando l’ira dei due assassini.

I due hanno deciso di uccidere i coniugi a causa del mancato rispetto degli accordi economici. Secondo quanto appurato dagli inquirenti, gli assassini erano ancora in debito con i coniugi ma non erano in condizioni di pagare per via degli scarsi guadagni della pizzeria rilevata. Nel 2010, per motivi legati all’ordine pubblico, un’ordinanza del Comune di Brescia aveva infatti costretto Dolce e Salato a chiudere alle 22, riducendone ulteriormente gli introiti. La pizzeria Da Frank, invece, rimaneva aperta tutta la notte.

L’omicidio è stato eseguito con un fucile a canne mozze, recuperato dagli agenti della squadra mobile di Brescia. Il duplice omicidio è stato ripreso dalle telecamere interne della pizzeria, permettendo agli inquirenti di identificare facilmente i due assassini, fuggiti a bordo di uno scooter dopo il delitto. Il mezzo è stato ritrovato e posto sotto sequestro, grazie al numero di targa recuperato dai filmati delle telecamere di sicurezza installate nelle strade circostanti la pizzeria.

Arresto killer duplice omicidio Brescia, Alfano: “Complimenti alle forze dell’ordine”

Alla notizia dell’arresto degli autori del duplice omicidio, il Ministro degli Interni Angelino Alfano si è complimentato con le forze dell’ordine per aver individuato tempestivamente gli assassini dei coniugi di Brescia. Nel suo messaggio Alfano ha sottolineato l’efficienza della polizia e della magistratura.

Ieri a Nuvolento, nel bresciano, si sono svolti i funerali di Francesco Seramondi e Giovanna Ferrari. Nell’omelia, il parroco aveva invitato i colpevoli del delitto a confessare e a pentirsi del duplice omicidio.