Sabato 29 marzo, alle ore 20:30, torna l’appuntamento con Earth Our (l’Ora della Terra), la grande mobilitazione globale del WWF che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, coinvolge cittadini, istituzioni e imprese in azioni concrete per dare al mondo un futuro sostenibile e vincere la sfida del cambiamento climatico.

L’anno scorso hanno preso parte a Earth Hour 2013 oltre 2 miliardi di persone in 7.000 città e 154 Paesi: uno dei più potenti strumenti mai creati per coinvolgere il mondo intero, a tutti i livelli della società, nel cambiamento di cui la vita sul pianeta e il nostro futuro hanno bisogno.

Tanti, anche per l’edizione 2014, i monumenti famosi che aderiranno all’iniziativa, dalla Tour Eiffel alla Statua della Libertà: un’occasione per spegnere le luci e ‘puntare i riflettori’ sui problemi legati ai cambiamenti climatici, al riscaldamento globale e alle emissioni di CO2.  A Roma, dalle ore 16.00 di sabato 29 marzo il WWF attenderà lo spegnimento della facciata e la Cupola di San Pietro in un’area tutta dedicata al cambiamento climatico e alla specie più colpita, l’orso polare, allestita  in Piazza Pio XII (tra via della Conciliazione e Piazza San Pietro). Sarà presente Giacomo Bevilacqua, il noto fumettista autore de ‘A panda piace’ che realizzerà un’installazione dedicata al Panda e ai temi di Earth Hour su un pallone aerostatico di tre metri che verrà poi alzato in volo in piazza per essere immortalato durante lo spegnimento della facciata e della cupola che avverrà alle 20.30. Cento pandini di cartapesta, simbolo del WWF, faranno da scenografia all’evento e per tutti la possibilità di immortalare la propria partecipazione con un #selfie insieme all’Orso Polare del WWF, nel fulcro dell’installazione, da accompagnare al proprio messaggio per il Pianeta. Le foto caricate sulla pagina Facebook wwfitalia con l’indicazione del luogo verranno rese visibili, mentre su Twitter si possono postare con l’hashtag #EarthHour. Per i bambini dai 6 ai 10 anni, dalle 16 al tramonto, saranno inoltre allestiti laboratori didattici gratuiti per realizzare piccole installazioni a tema a base di disegni e collage, ma sono tantissimi gli eventi in programma oggi in tutta la penisola.

L’invito a unirsi al grande evento promosso dal WWF, quest’anno arriva anche da testimonial d’eccezione: nello spot italiano per Earth Hour i volti e i messaggi di Francesco Totti “Un’ora al buio per accendere un messaggio di speranza”, Massimiliano Rosolino “Sessanta minuti da dedicare al nostro pianeta”, Elisa “Ispirare il cambiamento, è questa la sfida per il futuro del mondo”, Alessandro Borghese “Torna l’ora della terra, fate come me, spegnete la luce” e Marco MengoniIl 29 marzo alle 20 e 30: dai un futuro al pianeta, l’energia più potente sei tu.”

Un’iniziativa nata in Australia e celebrata per la prima volta tra le 19:30 e le 20:30 del 31 marzo 2007, a Sydney: con 2,2 milioni di adesioni, durante quell’ora si tagliarono i consumi della città dal 2,1% al 10,2%. Un successo tale da proiettare immediatamente l’evento su scala globale, tanto che l’anno seguente, nel 2008, città di tutto il mondo vi presero parte. In quell’occasione in Italia furono spenti il Colosseo, a Roma, e il municipio di Venezia (Ca’ Farsetti).

Oggi sono diversi milioni le persone di tutto il mondo che dalle 8:30 (20:30), secondo i vari orari locali, hanno deciso di spegnere le luci per Earth Hour, l’ultimo Sabato del mese di marzo. E tu?