Il Senato ha approvato la legge sugli Ecoreati. Al termine di una battaglia durata 18 anni, finalmente saranno considerati reati i crimini contro l’ambiente, che d’ora in avanti verranno colpiti con pene adeguate, fino a 15 anni di reclusione.

Dopo una lunghissima serie di rinvii, il ddl Ecoreati è davvero diventato legge. Nella serata di ieri, al termine di una seduta che sembrava destinata a portare all’ennesimo rinvio, il Senato ha dato il via libera al provvedimento.

Le prime proposte per una legge riguardante gli ecoreati risalgono addirittura al periodo 1997/98, ma da allora non si sono mai concretizzate. Fino ad ora. La nuova legge prevede che vengano considerati reati l’inquinamento, il disastro ambientale, l’omessa bonifica e il traffico di materiale radioattivo, con i tempi di prescrizione che raddoppiano e le pene che arrivano fino a 15 anni di carcere.

Grande soddisfazione da parte del presidente del Senato Pietro Grasso, che ha dichiarato: “Lo Stato deve dare una risposta a chi minaccia l’ambiente e le generazioni attuali e future: la legge sui reati ambientali va a riempire una lacuna giuridica e rafforza gli strumenti per combattere illeciti e illegalità”. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha tenuto a sottolineare che grazie al ddl sugli ecoreati: “Una vicenda come quella di Eternit con una legge come questa non sarà più possibile”.

Parole di orgoglio arrivano dalla responsabile ambiente del Pd, Chiara Braga: “Oggi è uno dei giorni di questa legislatura che verranno ricordati. Lo dovevamo a quei territori e a quelle persone che in questi anni hanno pagato un prezzo molto alto all’inquinamento prodotto da disastri ambientali troppo spesso impuniti. È dal 2008 che l’Unione europea ha indicato questa strada e la Francia, la Spagna, l’Austria e la Germania hanno già cominciato a percorrerla. Ora l’Italia finalmente si inserisce in questo gruppo di Paesi”.

Dello stesso avviso anche il premier Matteo Renzi, che ha postato la sua reazione soddisfatta su Twitter.

https://twitter.com/matteorenzi/status/600722741315121152

Questa volta l’approvazione non arriva però solo dalla maggioranza di governo, ma anche dai rappresentanti del Movimento 5 Stelle, che hanno commentato dicendo che la legge sugli ecoreati: “porta la firma del Movimento che si appresta così a realizzare uno dei punti più importanti del suo programma”.