Un gruppo di uomini ha colpito con molotov un night club al Cairo nel quartieri di El Agouza questa mattina, 4 dicembre, tra le 6 e le 7. A rivelare l’attacco fonti della sicurezza egiziana che ai media locali rivelano che l’attacco avrebbe provocato almeno 18 morti e diversi feriti.

La procura di Agouza sta già esaminando il locale dove è scoppiato l’incendio e sono morte 18 persone in questo ennesimo attentato esplosivo. La sicurezza egiziana per il momento parla di “un attacco con molotov lanciato da uomini mascherati contro un night club al Cairo nel quartiere di el Agouza” ma non viene esclusa nessuna matrice dell’attentato.

La procura, attraverso il consigliere Ahmed el Bakli, riferisce alla tv pubblica egiziana che “sarebbero stati due ex impiegati del locale poi licenziati” ad attaccare il night club del Cairo  dal momento che il “proprietario del locale ha accusato due suoi ex dipendenti”. 

Il proprietario dei locali alla televisione dichiara che il “litigio sarebbe scoppiato tra alcuni lavoratori del nightclub e gli assalitori che volevano entrare al suo interno. Una volta cacciati i malviventi si sono ripresentati e hanno lanciato l’attacco”. Il gruppo di ex-dipendenti avrebbe lanciato le molotov sulla porta d’ingresso scatenando l’incendio che ha imprigionato le persone all’interno del locale impedendo la fuga dei frequentatori ancora all’interno.