Ha più volte ripetuto che non terrà comizi durante questa campagna elettorale. Quindi il momento di massimo avvicinamento ai cittadini per Mario Monti si è tenuto oggi, via internet. Il presidente del Consiglio ha risposto alle domande rivoltegli sul profilo Twitter (nella foto un momento della sessione, tratto dal profilo @sceltacivica). Dalle 11, momento in cui Monti “è arrivato”, parecchie centinaia di domande hanno affollato in pochi minuti lo spazio dei cinguettii. Gli argomenti erano i più svariati, ma prevalentemente i quesiti puntavano sulle tasse, il rilancio di occupazione e attività d’impresa, le alleanze politiche. Molte anche le domande sui matrimoni gay.

Abbastanza lento il flusso delle risposte, ma era inevitabile. Ne elenchiamo alcune. Perchè allearsi con Udc e Fli se vuole rappresentare il nuovo? “Voglio alleare la società civile e donne e uomini in politica scelti con rigore”. Il primo provvedimento in un nuovo governo? “Una legge elettorale seria. Questa non è degna di un paese come l’Italia”. Sicuro che quello che ha fatto o farà è ridurre gli sprechi? “In soli 13 mesi abbiamo dimostrato quanto si potrà fare nei prossimi 5 anni”. Quanto ci sta costando salvare Grecia e Spagna? “Molto. Ma sicuramente meno di quanto sarebbe costato salvare l’euro!”.

Cosa farà per rendere il digitale chiave dello sviluppo? “Cominceremo a pensarlo e utilizzarlo come lo strumento principale per la trasparenza ed efficienza della PA”. Se non avesse la maggioranza, è pronto al dialogo con il vincitore? “Dialogo sì, con tutti, anche se avessi la maggioranza. Sostegno a governi non riformisti: no”.