Seggi aperti oggi in 148 comuni e oltre quattro milioni di elettori sono chiamati alle urne per il turno di ballottaggio dal momento che nessun candidato a sindaco, il 25 maggio scorso, ha raggiunto il 50% delle preferenze.

I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23, in Sicilia dalle 8 alle 22 e lunedì 9 dalle 7 alle 15. Tra i comuni, 14 sono i capoluoghi di provincia, Foggia, Biella, Vercelli, Verbania, Teramo, Livorno, Modena, Pescara, Terni, Bergamo, Cremona, Padova, Pavia, Caltanissetta, e 3 i capoluoghi di Regione: Potenza, Bari e Perugia.

Gli occhi sono puntati, in particolare, sul risultato in cinque comuni: Modena, Livorno, Pavia, Bergamo e Padova.

Il 25 maggio si è votato per le elezioni amministrative e europee, qui di seguito i simboli più originali:

A Livorno e Modena, storiche città della sinistra, per la prima volta il Pd è andato ballottaggio insidiato dal Movimento 5 Stelle.

A Modena Giancarlo Muzzarelli (Pd) ci è andato vicinissimo alla vittoria alla prima, raggiungendo il 49,7% mentre il suo avversario del M5s, Marco Bortolotti, prese il 16,3%.

Il 25 maggio a Livorno: Marco Ruggeri (Pd) ha preso il 39,9% dei consensi al primo turno, Filippo Nogarin (M5s) il 19%.

A Pavia il sindaco uscente Alessandro Cattaneo (Forza Italia), al primo turno è arrivato al 46,5%, dieci punti percentuali in più rispetto al 36,5% di Massimo Depaoli, in corsa per il centrosinistra.

A Bergamo il candidato del centrosinistra Giorgio Gori (Pd) parte in lieve vantaggio con il 45,5% dei voti, mentre il sindaco uscente Franco Tentorio (Centro Destra) lo insegue al 42,1%.

A Padova, invece, è la Lega Nord che cerca di insediare lo scranno al Pd: Ivo Rossi (33,8%) al primo turno, viene sfidato da Massimo Bitonci (Ln) che lo insegue con il 31,4%.