L’Italia dei valori, il partito fondato da Antonio Di Pietro, l’altro gruppo oppositore di Monti fin dall’inizio, oltre alla Lega, ha posto l’accento sul carattere extraparlamentare della crisi di Governo, dopo l’incontro di stamattina con il presidente della Repubblica, all’interno del programma di consultazioni di Napolitano prima dello scioglimento delle camere.

Felice Belisario, capogruppo al Senato per l’Idv, ha dichiarato: “Avremmo preferito che Monti spiegasse in Parlamento le ragioni delle sue dimissioni. Egli non ha inteso farlo. Noi crediamo che un governo tecnico dovesse comunque tornare in Parlamento, rassegnare le dimissioni e poi andare al Quirinale. Ci sono stati precedenti, ma questo governo non aveva precedenti, era una cosa diversa”.

Belisario ha poi ricordato il discorso dei referendum: “Abbiamo manifestato al presidente della Repubblica le nostre preoccupazioni sulle firme del referendum sul lavoro e sulla “casta” che noi stiamo raccogliendo. Abbiamo chiesto di fare salve quelle firme, che con la legislazione vigente invece rimarrebbero ferme costringendo il comitato referendario a ricorrere alla Corte costituzionale. Il capo dello Stato ci assicurato che si interesserà della vicenda”.

LA CRISI DI GOVERNO

Elezioni politiche 2013: consultazioni, Lega, dimissioni di Monti una buona notizia

Elezioni politiche 2013: consultazioni Pd, chi ha di più deve pagare di più

Elezioni politiche: il giorno delle consultazioni di Napolitano

Elezioni politiche: E’ ufficiale, Mario Monti si è dimesso

Fornero: via dall’aula con le orecchie turate

Elezioni politiche: Berlusconi, Monti non mi ha telefonato, faccio io il premier