La campagna elettorale diventa sempre più calda ad ogni livello. Le primarie per il Parlamento riservano una cattiva sorpresa per i candidati di Sel. Infatti la direzione nazionale del partito di Nichi Vendola ha approvato ieri i capilista nei vari collegi. E’ emerso che in Toscana aver vinto le primarie potrebbe non essere sufficiente ad entrare in Parlamento, perché si è stati collocati dal vertice troppo in basso nella lista.

A farne le spese potrebbero essere i primi due arrivati alle primarie: Alessia Petraglia e l’allenatore di calcio Renzo Ulivieri (foto by InfoPhoto). Infatti la lista per il Senato vede capolista Pape Diaw, poi Ida Dominijanni, Petraglia e Ulivieri. Per i meccanismi della legge elettorale e il probabile quantitativo di voti, al massimo due senatori riuscirebbero ad entrare. Per eleggerne un terzo, servirebbe almeno il 7,5% dei voti.

Sono fioccate numerose le proteste su Twitter da parte dei sostenitori della Petraglia, i quali si sono visti “annullare” la propria scelta dall’alto.

E i dissensi ci sono anche nei vertici. Il segretario regionale toscano di Sel, Beppe Brogi, potrebbe anche decidere di dimettersi.

Ulivieri ha commentato: “In queste cose sono un po’ soldato. Non conosco le dinamiche, non dipende da me e quindi non posso giudicare”. La Petraglia ha detto che prende atto delle decisioni nazionali.