Il tweet in cui la governatrice s’impegna a diminuire i consiglieri

Il ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, ha reso noto nel pomeriggio del 13 novembre che le elezioni regionali in Lazio, Lombardia e Molise si terranno il 10 e 11 febbraio. Renata Polverini dovrà firmare il decreto di convocazione dei comizi elettorali nella propria Regione. La governatrice del Lazio aveva presentato le dimissioni il 24 settembre, sull’onda degli scandali causati dallo sperpero dei fondi pubblici da parte dei politici, culminati con l’arresto per peculato di Franco Fiorito, ex capogruppo Pdl in Regione. La Polverini, cui spetta di convocare la data delle elezioni, aveva interpretato a modo proprio la legge che impone di tenere le elezioni entro tre mesi dal decadimento del Consiglio. Invece secondo lei entro questo termine andava solo stabilita la data. Il Tar, con una sentenza del 12 novembre, le aveva imposto di decidere la data entro 5 giorni, pena commissariamento. La motivazione per i tempi lunghi era risparmiare denaro accorpando le elezioni. Ma fino a che non si vota, Consiglio e Giunta restano in carica con funzioni limitate. Quindi non possono operare pienamente, ma continuano a ricevere gli stipendi.

Renata Polverini, nella sua pagina su Twitter (nella foto), ha confermato di voler arrivare al voto per 50 consiglieri invece degli attuali 70.