Prendete Emamò e Area B, due maison che di beachwear ne sanno, e mettetele insieme.

Il risultato? Emamoda, nuova società che coniuga competenze uniche sotto il profilo creativo. Ovviamente, interamente made in Italy.

A capo del nuovo brand Federico Venuturato, che ha le idee chiare su come far crescere la nuova creatura: “Nel panorama della moda beach wear, Emamò è rappresentante del lusso italiano: è una griffe di primo piano che ha saputo imporsi come leader sia nel costume da bagno sia nel total look fuori acqua. Di qui, il desiderio di potenziarne tutti gli aspetti creando un nuovo soggetto con dotazioni economiche, produttive e manageriali di alto profilo. Emamoda è un progetto orgogliosamente italiano in cui convivono creatività e visione strategica: da qui la scelta di rimanere in Italia ma con obiettivi internazionali”.

Sulle ali dell’entusiasmo della nuova avventura, Emamoda punta quindi a conquistare il cuore delle spiagge oltre oceano contribuendo a far diventare sempre più grande la moda italiana.

E stupisce pensare che era solo il 2001 l’anno in cui Emamò nasceva, venendo fin da subito riconosciuta e apprezzata per l’originalità dei modelli e la ricercatezza di ricami e accessori.

Punto di forza è il concetto di beachwear che sta alla base del brand, inteso come total look dedicato al summer time. Perché non solo di bikini si parla ma anche di kaftani e abiti da mare.

Ora non resta che aspettare la prossima estate per scoprire le nuove creazioni di Emamoda e vedere se l’allieva sarà all’altezza della maestra.