Il programma LIFE+, è uno strumento finanziario dell’Unione Europea per la salvaguardia dell’ambiente, entrato in vigore nel 2007, che cofinanzia (assieme a privati o enti locali) azioni a favore dell’ecosistema negli Stati membri. Il suo obiettivo principale è proprio la salvaguardia dell’ambiente e lo sviluppo di tecnologie ecosostenibili. In questo contesto è maturato ENA (eco design per la nautica), un percorso di ricerca e sviluppo che si prefigge due obiettivi principali, imbarcazioni e produzione ecosostenibili e maggiore facilità di accesso alle persone diversamente abili. Tra le aziende e le istituzione che si adoperano per l’avanzamento di questo piano si annoverano la Provincia di Pesaro e Urbino, laProvincia di Ancona, l’Università di Urbino, la Camera di Commercio di Ancona, le imprese, rappresentate da “CAMM” e “LINSET”, la società “Adriatic Festival” organizzatrice del Fano Yacht Festival, Salone Nautico dell’Adriatico, ed il “CNM-Consorzio Navale Marchigiano”.

Per quanto riguarda le eco-imbarcazioni di prossima generazione, il primo step del progetto prevede un maggiore impegno per la sostenibilità ambientale soprattutto nella filiera produttiva, con tecniche e tecnologie per ridurre il consumo energetico durante la fase produttiva e gli scarti di lavorazione. Secondo obiettivo da perseguire è una maggiore fruibilità delle barche anche da parte dei diversamente abili, con un lavoro certosino sull’ergonomia e sull’accesso alle tecnologie. Il progetto dovrebbe a breve permettere la costruzione di un prototipo di eco-imbarcazione di seconda generazione, che funga da base per le sperimentazioni.