Ci siamo, finalmente. Enrico Letta ha accettato, sia pure con riserva (com’è prassi in questi casi), l’incarico di formare il nuovo Governo. Domani procederà alle consultazioni formali.

Queste sono le parole del neo presidente del Consiglio incaricato, appena uscito dall’incontro col Presidente della Repubblica, tenuto oggi all’ora di pranzo: “La mia sorpresa nel ricevere la telefonata del Presidente della Repubblica è stata pari al profondo senso di responsabilità nel ricevere l’incarico. La situazione è molto difficile, fragile, inedita. Sono passati 60 giorni dalle elezioni, il Paese aspetta un governo, la situazione non può più durare così. Sento la responsabilità più forte e pesante della capacità delle mie spalle di reggerla. Ma il Paese ha bisogno di risposte, soprattutto quella parte che soffre e che ha perso il lavoro. Le imprese chiudono, il senso di povertà cresce, i giovani vanno via dall’Italia perché qui non trovano possibilità. L’emergenza è diventata enorme e insopportabile“.

Letta (foto by InfoPhoto) ha proseguito: “La politica ha perso tutta la sua credibilità, lo si è visto dalla risposta dell’elettorato. O si trova una risposta tutti insieme o non si trovano gli strumenti per risolvere i problemi. E questi strumenti solo la politica li può avere. Metterò quindi una grande determinazione per far uscire da questo tentativo una politica diversa”.

Il vicesegretario (dimissionario) del Pd ha accennato al programma: “Servono le riforme istituzionali, va cambiato il bicameralismo. L’uscita dalla crisi è possibile dentro l’Europa, ma è necessario far cambiare anche all’Europa la barra del timone”.

La conclusione di Letta: “Vorrei esprimere la mia profonda gratitudine al presidente Napolitano. Il suo senso di dedizione nell’accettare la rielezione ha creato le condizioni per questo tentativo di governo, complesso, difficile, ma che accetterò con tutto l’impegno che posso metterci. Io chiamerei questo un governo di servizio al Paese. Nascerà non a tutti i costi, ma se ci saranno le condizioni”.

Successivamente il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha tenuto un breve discorso: “Voglio esprimere soddisfazione e serenità, perché si è aperta la strada per formare un governo, con la sola prospettiva possibile: la formazione di una larga coalizione per un esecutivo che potrà avere un’ampia maggioranza alle Camere. Nelle consultazioni con le forze politiche sono stati espressi diversi apprezzamenti sulla persona di Enrico Letta. Pur appartendo ad una generazione giovane, egli ha già accumulato molte esperienze nell’attività parlamentare, di governo e in campo culturale. E’ stato presente anche in numerosi fori europei e internazionali. Sono tutte caratteristiche eccellenti per poter guidare un governo in questa situazione difficile. Ho piena fiducia nel successo di questo tentativo”.

Il Capo dello Stato ha poi aggiunto: “E’ essenziale che si affermi un clima di massimo rispetto reciproco fra le forze politiche. Si riconosca il ruolo che ciascuna di esse deve avere in un governo di larga convergenza. Confido che tutti cooperino a favorire il massimo di distensione, anche i mezzi d’informazione. Questo potrebbe fare bene al Paese”.

Qui sotto due video sull’incarico ad Enrico Letta.