In occasione della Milano Moda Uomo Ermenegildo Zegna presenta la sua nuova Collezione Couture Primavera/Estate 2016. La linea creata da Stefano Pilati unisce la leadership sartoriale propria del brand e l’heritage nella lavorazione delle fibre più nobili a un espressione romantica e fresca dall’identità virile dell’uomo.

La varietà di tessuti è la protagonista indiscussa della collezione: dall’esclusivo Double Century Cashmere alle lane superfini del Lanificio Zegna, dalle sete alle le varietà di cotone, fino ai pregiati tessuti giapponesi.

Il mood della nuova linea è casual e sportivo con un delicato ed elegante tocco che rimanda all’estate, tra trasparenza e leggerezza: tutti elementi provenienti dal guardaroba femminile e che, per questa stagione, sono stati tradotti, in modo innovativo, per dare vita ad un codice stilistico contemporaneo rivolto a un uomo dalla forte personalità.

I sono volumi contrastanti e rivelano silhouette insolite: i pantaloni sono fluidi, classici ma con raffinati dettagli, evidenti o nascosti nella costruzione, abbinati a capispalla oversize oppure a  giacche mono o doppiopetto dallo stile sartoriale fresco e leggero.  A completare il look,  fluttuanti summer coats, gilet multitasche, bomber e blouson drappeggiati, camicie e soprabiti immancabili nel guardaroba di un uomo.

Gli accessori, essenziali, tutti realizzati in pelle ecosostenibile metal-free, rimandano al concetto di Eco-leader introdotto con la collezione Ermenegildo Zegna Couture A/I 2015.

Micro e macrofantasie Madras creano una sinfonia di colori che gioca con splendide sfumature di “non-bianchi” e look in tonalità medie o scure, che si intervallano a bianchi ottici e total black.

Il mix di “nuovo” e “classico”, interpretato dal concetto di “Broken Suit”, è il tratto distintivo del design di Stefano Pilati per Ermenegildo Zegna Couture e riflette l’heritage e il DNA di Zegna attraverso un’estetica innovativa e senza tempo.