L’esame di maturità è ormai vicino e gli studenti, soprattutto a causa dei frequenti mutamenti nel sistema di assegnazione dei crediti formativi, iniziano a preoccuparsi di voti e medie. Per chiarire le idee una volta per tutte riassumo in breve i concetti chiave circa il voto di maturità: innanzitutto per essere ammessi all’esame di Stato (foto by InfoPhoto) bisogna aver conseguito la sufficienza (6) in tutte le materie, condotta compresa. Il voto degli esami di maturità si calcola in centesimi. Il voto più basso che può essere raggiunto alla fine del percorso di studio e delle prove scritte e orali della maturità è 60. Il più alto 100 (con eventuale lode). Chi non raggiunge la votazione di 60/100, non raggiunge la sufficienza!

I parametri che determinano il voto di maturità finale in centesimi sono:

  • Il credito scolastico
  • Il voto delle prove scritte
  • Il voto della prova orale
  • Il bonus

Il numero massimo di crediti accumulabili è 25, il minimo è 10. Il voto in condotta viene conteggiato nella media, al contrario di quello di religione e/o altre materie correlate alternative. La tabella ministeriale fa corrispondere ad una determinata media scolastica un preciso numero di crediti che si differenzia a seconda dell’anno di frequentazione dello studente. Per essere più chiari :

Media Scolastica:             I  anno     II anno     III anno

6                                          3/4           3/4             4/5

6/7                                       4/5           4/5             5/6

7/8                                       5/6           5/6             6/7

8/9                                       6/7           6/7             7/8

9/10                                     7/8           7/8             8/9

Ognuna delle tre prove scritte alla maturità può essere valutata  con un voto compreso tra 0 e 15, la valutazione sarà quindi espressa non in decimi (come durante l’anno scolastico), ma in quindicesimi. 10 è considerato il voto-sufficienza. Il massimo che può essere raggiunto nelle tre prove è invece 45. A questi si aggiungono i punti conseguiti durante il colloquio orale: in questo caso è possibile raggiungere un massimo di 30 punti, mentre il punteggio minimo è fissato a 22.

La Commissione può inoltre decidere di assegnare agli studenti più meritevoli un bonus da 1 a 5 punti che vanno a sommarsi alla valutazione finale. Non tutti però possono accedervi, si tratta infatti di un bonus concesso solo ai candidati che hanno un credito scolastico di almeno 15 punti e che hanno accumulato almeno 70 punti tra prove scritte e prova orale.

Per essere meritevole di Lode occorre invece essere in possesso dei seguenti requisiti: punteggio massimo nelle tre prove scritte (45 punti), nel colloquio (30 punti) e di credito (25 punti), più il raggiungimento di almeno 8 decimi in tutte le materie dell’ultimo anno.

Certo la Lode non è tra i pensieri dei più, ma non temete, anche per coloro che raggiungono votazioni appena sufficienti a portare a termine il ciclo di studi, i numeri parlano chiaro: sarà necessario aver accumulato almeno 10 crediti formativi nei tre anni di superiori, raggiungere un minimo di 30 punti nella votazione delle prove scritte, e il minimo di 22 al colloquio orale, e il gioco è fatto! 60 garantito!

LINK UTILI PER LA MATURITA’ 2014

Esami maturità 2014: attenzione al calendario

Esami Maturità 2014: toto tema con tutti gli anniversari dell’anno

Tracce Maturità 2014: toto tema, da Ungaretti a Pirandello ecco tutti i consigli

Materie maturità 2014: cosa studiare per la seconda prova