L’anno scolastico 2014/2015 volge al termine, archiviate ormai le vacanze pasquali, poco più di due mesi separano i maturandi dalla fatidica prova conclusiva. Gli Esami di Stato 2015 prenderanno infatti il via mercoledì 17 giugno, con la prima prova di italiano, uguale per tutte le scuole. Si tratta del classico tema di italiano e, come solitamente accade, sarà il ministero ad elaborare le differenti tracce tra cui gli studenti potranno scegliere.

Il giorno successivo, giovedì 18 giugno, sarà quindi la volta della seconda prova scritta, diversa per ogni indirizzo di studio, che vedrà quest’anno il debutto delle materie inserite con la riforma avviata nell’a.s. 2010/11. A giugno, infatti, giungeranno per la prima volta alla maturità i nuovi percorsi di studio introdotti dalla riforma Gelmini, di conseguenza il Ministero ha adattato l’esame tenendo conto delle caratteristiche dei nuovi indirizzi. Come si legge nel comunicato del Miur diffuso a novembre “L’impianto dell’Esame resta inalterato, ma entrano in gioco le discipline di indirizzo previste dalla riforma delle superiori che quest’anno va a regime.” Per entrambe le prove, l’inizio è fissato alle 08:30 in punto.

Seguirà una pausa di qualche giorno, durante la quale i maturandi saranno alle prese con i ripasso per il temutissimo quizzone. La terza prova scritta si svolgerà lunedì 22 giugno e vedrà gli studenti di quinta superiore  alle prese con ben cinque materie. La prova, a carattere pluridisciplinare, verterà come di consueto sulle materie dell’ultimo anno di corso e si baserà sulla trattazione sintetica di argomenti; su risposta a quesiti singoli o multipli; soluzione di problemi, casi pratici e professionali o sviluppo di progetti.

Terminato il primo round, i maturandi avranno circa una settimana per riposare e per prepararsi al rush finale degli orali, parte conclusiva dell’Esame di Maturità e, solitamente, la più temuta, in quanto ci si ritrova soli davanti all’intera commissione. Ad aprire le danze sarà il candidato il cui cognome inizia con la lettera estratta dalla commissione stessa, si procederà quindi in ordine alfabetico finché tutti gli studenti avranno sostenuto il colloquio orale.