Per i maturandi è decisamente arrivato il momento di tenere sott’occhio il calendario: gli esami sono ormai alle porte e, articolandosi in tre prove scritte e un colloquio orale, quattro saranno le date da tenere assolutamente d’occhio.

Si parte Mercoledì 18 giugno con la prima prova, finalizzata a verificare la padronanza della lingua, nonché le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche del candidato. I maturandi (foto by InfoPhoto) possono scegliere tra 4 diverse tipologie di prova: l’analisi e il commento di un testo letterario, il saggio breve o l’articolo di giornale, il tema storico o il tema di attualità. Ogni studente ha la possibilità di scegliere la tipologia di prova che preferisce, in base agli argomenti usciti, alle proprie preferenze e alle proprie conoscenze. Per quanto riguarda la Tipologia A del tema di Italiano (ovvero l’analisi del testo), nel 2013 è uscito Claudio Magris, nel 2012 Montale, nel 2011 Ungaretti e nel 2010 Primo Levi. Se nella prima prova della maturità 2013, l’ex Ministro dell’istruzione ha quindi spiazzato tutti con un brano di Claudio Magris, tra i più gettonati per quest’anno  rimangono in lista alcuni favoriti dal panorama della letteratura del primo novecento: Pirandello e D’Annunzio. Ma l’ago della bilancia si sta spostando sempre di più all’epoca attuale e la vera scommessa è costituita dall’autore di Cent’anni di solitudine: l’appena scomparso premio Nobel Garcia Marquez. In merito al saggio breve in ambito scientifico- tecnologico attenzione al binomio donne e scienza, con le recenti morti di Margherita Hack e Rita Levi Montalcini. In ambito storico-politico molto gettonato invece il 50°anniversario dall’attentato di Dallas, in cui perse la vita l’allora Presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy e la recente scomparsa di Nelson Mandela, venuto a mancare lo scorso 5 dicembre. Per il saggio d’attualità  prende sempre più corpo il tema sui disastri ambientali, con la tragedia del tifone nelle Filippine e l’alluvione che ha messo in ginocchio la Sardegna, ma in cima agli argomenti più probabili anche il compleanno di Facebook, dato che quest’anno il social network di Mark Zuckerberg ha spento ben dieci candeline.

Si proseguirà poi Giovedì 19 giugno, sempre alle 8,30, con la seconda prova, che verterà su una delle materie caratterizzanti il corso di studio. Negli istituti tecnici, professionali, d’arte e nei licei artistici, le modalità di svolgimento tengono conto della dimensione tecnico-pratica e laboratoriale delle discipline coinvolte e possono articolarsi anche in più di un giorno di lavoro (arrivando a durare anche 6 ore, suddivise in due giorni). Già stabilite le materie per la seconda prova scritta degli esami di maturità 2014: al Classico è stata rispettata l’alternanza fra latino e greco e quindi quest’anno i ragazzi dovranno cimentarsi con il greco, mentre gli studenti dello Scientifico se la vedranno con la Matematica. Tra le altre materie scelte per il secondo scritto, ci sono poi  pedagogia al Liceo pedagogico; economia aziendale ai Ragionieri, estimo per i Geometri e Alimenti e alimentazione all’Istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione.

Ultimo appuntamento con gli scritti Lunedì 23 giugno, con la fatidica terza prova (che si svolgerà in orari diversi a seconda di quanto stabilito dalle singole commissioni). Il test è espressione dell’autonomia didattico-metodologica e organizzativa delle istituzioni scolastiche ed è strettamente correlata al piano dell’offerta formativa di ciascuna di esse. La prova, a carattere pluridisciplinare, verte sulle materie dell’ultimo anno di corso e consiste nella trattazione sintetica di argomenti, nella risposta a quesiti singoli o multipli, nella soluzione di problemi, casi pratici e professionali, o nello sviluppo di progetti.

Terminato il primo round, gli studenti avranno circa una settimana per riprendersi e per prepararsi al rush finale degli orali, parte conclusiva dell’esame di maturità e, solitamente, la più temuta in quanto ci si ritrova soli davanti all’intera commissione. Sarà la sorte a stabilire l’ordine di esecuzione: per decidere chi sarà il primo a sostenere la prova orale la commissione procede infatti per estrazione. Si parte dalla lettera estratta e si procede quindi a interrogare in ordine alfabetico. Il colloquio orale dura circa 40 minuti e vale ben 30 punti dei 100 totali. Si comincia con l’esposizione della tesina (che non dovrebbe superare i dieci minuti), poi la commissione è libera di chiedere al candidato ciò che vuole, fermo restando che ogni componente può interrogare solo sulle materie per cui è abilitato. È possibile che anche la correzione degli scritti diventi oggetto dell’orale di Maturità.

Se sono state rese note le materie oggetto della seconda prova, ancora sconosciuto è invece l’elenco dei commissari esterni: non esiste infatti per legge una data prestabilita in cui il Ministero è tenuto a rendere ufficiale la pubblicazione delle liste, tuttavia di norma queste vengono pubblicate entro la fine di maggio o, al massimo, i primi di giugno. Per ora, dunque, l’unica certezza riguarda la composizione delle commissioni: ognuna sarà formata da tre commissari interni, tre esterni e un presidente di commissione (anch’esso esterno) che ha l’incarico di supervisionare due classi.

LINK UTILI MATURITA’:

Maturità 2014: mappe concettuali per il Classico

Maturità 2014: mappe concettuali per il Socio Psico Pedagogico

Maturità 2014: mappe concettuali per lo Scientifico

Materie maturità 2014: il ministro Carrozza agli studenti “per la maturità 2014 leggete tanto”