Silvio Berlusconi di nuovo nell’occhio del ciclone a causa di alcune intercettazioni che sono state depositate tra gli atti del processo del Tribunale di Bari contro Gianpaolo Tarantini. L’ex imprenditore di Bari Tarantini insieme ad altre sei persone è accusato di associazione a delinquere per favoreggiamento della prostituzione per un presunto traffico di escort verso le residenze di Silvio Berlusconi negli anni 2008 e 2009.

La maggior parte delle intercettazioni tratta argomenti, ormai conosciuti all’opinione pubblica come le famose cene, le feste ma tra le intercettazioni relative al 23 settembre si legge che Silvio Berlusconi avrebbe dichiarato: “Io, io, anche io non avevo voglia, ho due bambine piccole che e’ tanto che non vedo… una fa la giornalista in Rai..in Mediaset…allo sport, e’ una napoletana molto simpatica, molto dolce e un’altra bambina di 21 anni, una brasiliana…”.

La telefonata tra Tarantini e Berlusconi è continuata con l’ex premier che raccontava l’idea della “cena elegante” e gli ospiti presenti: “Carlo Rossella presidente di Medusa e Fabrizio del Noce direttore di Rai uno…sono persone che possono far lavorare chi vogliono…quindi le ragazze hanno l’idea di essere di fronte a uomini che possono decidere”.

Pochi mesi prima però il premier commentava alcune indiscrezioni stampa sulle donne che frequentavano le cene al telefono con Tarantini: “Non c’e’ una velina nelle mie liste… I prototipi a cui (incomprensibile)… si chiamano Carfagna, si chiamano Gelmini, si chiamano Prestigiacomo, si chiamano Ravezzo, si chiamano Bergamini, tutte le mie parlamentari sono le migliori della Camera”

A Novembre Berlusconi è giù di morale e lo confida a Tarantini: «Un povero presidente è considerato un po’ nulla.., c’ha addosso tutti.., radio, giornali, televisioni, giudici.., e non ha nessun potere..; non posso far niente di niente, devo solo subire tutto.., (incomprensibile) sempre anche con (incomprensibile) gli alleati»

Le intercettazioni depositate sono tantissime e nel prossimo periodo sicuramente verranno tutte pubblicate dai media.