Qualche giorno fa, mentre provava a dar fuoco ad un’abitazione a Roma, moriva Nicandro Casamonica, di appena 27 anni: voleva vendicare l’onore della sua famiglia dopo che la sorella era fuggita con un cugino già sposato. E così aveva pensato bene di incendiare la villetta di famiglia: peccato, però, che ne è rimasto vittima morendo nell’esplosione. Oggi, a Roma, si sono tenuti i suoi funerali e – come racconta il Corriere.it – c’erano pure una Ferrari, i petali di rose e oltre 300 persone che hanno dato l’ultimo saluto al giovanissimo Casamonica, in via Francesco di Benedetto.

Casamonica, l’ultimo saluto a Nicandro

Scelto il rito evangelico; decine i palloncini bianchi e azzurri oltre a trenta corone di fuori collocate fuori dalla villetta. La madre di Nicandro Casamonica si è sentita male ed è intervenuta persino un’ambulanza del 118 per le cure del caso. Protagonista del funerale anche la Ferrari nera appartenuta al defunto dal quale sarebbero “partiti colpi di acceleratore come ad omaggiare il feretro” scrive il Corriere.it. La bara, poi, sarebbe stata adagiata su una Maserati adibita a carro funebre al fine di raggiungere il cimitero di Ciampino nella Capitale.

Dunque nessun funerale show come quello di un anno fa: era il 22 agosto quando venne dato l’ultimo saluto a Vittorio Casamonica, ritenuto il capo clan, per il quale vennero utilizzati persino i cavalli, l’elicottero e la musica del Padrino in sottofondo. Uno scandalo che fece il giro del mondo.