Nell’anno di Expo 2015, dal 3 marzo al 24 maggio, la Galleria Nazionale di Arte Antica di Palazzo Barberini ospita la mostra “Il Laboratorio del Genio. Bernini Disegnatore” che proporrà all’attenzione del pubblico un interessante corpus di opere grafiche del maestro del Barocco. Una rara esposizione di schizzi e disegni di grande finitura racconterà così il Bernini disegnatore, portando a Roma importanti opere grafiche provenienti da tutto il mondo.

Duecento fogli sono in arrivo da Lispia, dove fino al 2 febbraio si è tenuta la mostra “Bernini, l’inventore del barocco a Roma”. Un’importante corpus di opere in origine appartenenti alla collezione della regina Cristina di Svezia, acquistate dalla città di Lipsia nel 1713 e rimaste fino al primo Novecento dimenticate nella biblioteca comunale della città. Un inestimabile tesoro, che documenta quasi tutto l´arco della carriera di Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 – Roma 1680), oltre ad una serie di disegni che rappresentano la parte grafica di quelli che sarebbero diventati alcuni dei maggiori capolavori che contribuirono a rendere Roma capitale del barocco nel mondo. A questi si aggiungono prestiti concessi dalle maggiori collezioni d´Europa, dalla Royal Library di Windsor Castle al British Museum, dal Louvre, alla Kunstbibliothek di Berlino e l´Albertina di Vienna, fino alle raccolte italiane del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi e quelle dei Chigi e Barberini custoditi nella Biblioteca Apostolica Vaticana.

Fra i numerosi fogli proposti, i disegni per la Cappella Chigi a Santa Maria del Popolo e quelli per la Fontana dei Quattro Fiumi a piazza Navona, per finire con quelli che riguardano la Basilica di San Pietro e le sue decorazioni, tanto che, per numero e importanza dei documenti raccolti, la mostra si preannuncia come la più ricca mai dedicata in Italia alla produzione grafica del “principe” del barocco italiano.

Orario: da martedì a domenica, dalle 8.30 alle 19; chiuso il lunedì

Biglietto: intero, 7 euro