Un gruppo di antagonisti ha organizzato una manifestazione a sorpresa all’esterno dell’Expo, l’esposizione internazionale che ha aperto i battenti questa mattina a Milano. I manifestanti fanno parte dei gruppi Movimento No-Expo May Day e del centro sociale Fornace.

Gli antagonisti si sono riuniti davanti ai tornelli dell’ingresso Fiorenza, all’esterno dei padiglioni, e hanno srotolato uno striscione riportante una scritta contro Expo 2015: “Il belpaese delle opportunità, un Expo di mafia cemento e precarietà”. I manifestanti, circa 30 persone, urlavano: “No Expo, no Expo” e sono stati tenuti sotto stretta sorveglianza dalle forze dell’ordine. Il gruppo è riuscito a passare in metro senza il controllo dei biglietti. La manifestazione si è svolta in modo pacifico ed è terminata spontaneamente dopo mezz’ora.

Oggi a Milano è atteso un corteo ben più imponente dei gruppi No Expo. Secondo le ultime informazioni trapelate dalle autorità locali sono attesi circa mille anarchici e casseur da tutta Europa che sfileranno per le vie di Milano e sono pronti a mettere a ferro e a fuoco la città. Molti sono già arrivati in città da diverse settimane e sono monitorati dalle forze dell’ordine. Già ieri è stata sfiorata la rissa davanti alla sede di Manpower.

Il Ministro dell’Interno Angelino Alfano ha fatto sapere che l’apparato di sicurezza imponente è pronto a scongiurare qualsiasi tipo di rischio:

Saremo severissimi e durissimi nel fare rispettare il diritto di manifestare, ma anche nel fare rispettare il diritto di tutti gli altri di godersi questa grande opportunità per l’Italia.

Ciononostante, le autorità sono preoccupate dalla mancanza di un vertice unitario del corteo No Expo con cui confrontarsi per sedare eventuali scontri:

Non c’è una gestione unitaria e verticistica del corteo, non c’è chi possa parlare a nome di tutti.

Intanto la società che gestisce l’Expo ha reso noto che questa notte il portale ufficiale dell’esposizione è stato preso d’assalto dagli hacker di Anonymous. L’attacco informatico al sito web dedicato alla vendita dei biglietti di Expo è durato soltanto pochi minuti. I sistemi di sicurezza hanno retto. I gestori della piattaforma fanno sapere che sono riusciti a respingere senza difficoltà gli attacchi e che la vendita online dei biglietti è attiva e funziona regolarmente.