E’ stato inaugurato lo scorso 10 maggio uno dei simboli della prossima Esposizione Universale che si terrà a Milano il prossimo anno (qui le indicazioni per comprare i biglietti): l’Expo Gate, ovvero l’ideale porta di collegamento tra largo Cairoli ed il Castello Sforzesco, progettata dall’architetto Alessandro Scandurra.

La complessa struttura è stata concepita per ospitare un palinsesto multimediale che, come spiega la società Expo spa, fungerà da piattaforma di confronto, condivisione e coinvolgimento, attraverso la quale narrare la più grande fiera mondiale ed il suo tema principale: “Nutrire il pianeta, energia per la vita“.

L’inaugurazione con una grande parata partita da Piazza San Babila fra bande musicali e danzanti, centinaia di palloncini, bandiere dei Paesi partecipanti e street food, ha coinvolto cittadini e turisti, ma anche ospiti d’eccezione come il master-chef Carlo Cracco, il cantautore Dente, Nanni Svampa e i dj di Radio Deejay.

Sullo sfondo del clima di festa son pesati, come prevedibile, i recenti scandali che hanno azzerato i vertici di Expo e messo in discussione la realizzazione stessa dell’Esposizione Universale. Il vicesindaco di Milano Ada Lucia De Cesaris ha dichiarato: “Credo che l’inchiesta farà il suo corso (qui tutte le ultime news a riguardo) e che ci siano da fare delle riflessioni importanti. Ma pensare che l’inchiesta riguardi solo Expo è parziale, è un’inchiesta molto più profonda. Non voglio sminuire quello che è accaduto ma so che ci sono tante persone perbene che hanno lavorato affinchè Expo potesse arrivare a Milano e alla meta nell’interesse della città e di tutto il paese“.

photo credit: Gi@nni B. via photopin cc