Belle notizie che arrivano dal mondo della moda. No, non da quello fatto da paillettes e lustrini (per carità, nella vita occorre anche un po’ di frivolezza), ma quello che si dà da fare per tirare su un Paese in difficoltà (scopri qui le ultime news di attualità).

Paese detentore dei più grandi stilisti e creativi che fanno parte di un settore che all’estero ci invidiano, ma che gli italiani stessi spesso snobbano perché “quelli fanno solo sfilate, feste e le borse firmate non contano nella vita di tutti i giorni perché i veri problemi sono altri”.

Signori miei, una borsa Prada non conterà pure nulla per voi, ma tanto di cappello al gruppo italiano che insieme a Versace e Feltrinelli è sponsor dei restauri della Galleria Vittorio Emanuele di Milano per l’Expo 2015.

Ebbene sì, è un intervento per recuperare fregi e facciate interne della Galleria Vittorio Emanuele II in vista di Expo 2015 l’oggetto dell’accordo tra Comune di Milano, Prada, Versace e Feltrinelli che prevede l’esborso di 3 milioni di euro, più il pagamento di canoni raddoppiati.

Versace ha infatti deciso di subentrare all’argenteria Bernasconi e per la prima volta farà il suo ingresso in uno dei luoghi dello shopping più famosi della città; Feltrinelli cede parte dei suoi spazi a Prada, che porta dentro il Museo della  Fondazione Prada: canoni di affitto completamente rivisti che consentiranno anche un’opera di pulitura completa delle facciate interne della Galleria Vittorio Emanuele II.

“Versace ha un legame indissolubile con il bello, l’arte, la cultura. Per questo – ha dichiarato l’ad della maison Versace Gian Giacomo Ferraris – abbiamo colto al volo l’opportunità di lavorare sotto l’egida del Comune e della Soprintendenza di Milano, e in collaborazione con un’altra azienda di eccellenza del made in Italy. Siamo fieri di contribuire in modo determinante all’obiettivo di restituire a Milano lo splendore di un monumento storico e architettonico come quello di Galleria Vittorio Emanuele II”.

La moda si muove per l’Italia, ma l’Italia si muove per la moda?

Segui Valentina su Google Plus e Twitter.