E’ stata presentata a Palazzo Marino la prima bozza del programma che animerà l’Expo Milano 2015. A darne l’annuncio sono stati il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, e il presidente della Camera di Commercio, Carlo Sangalli, che hanno comunicato la selezione delle iniziative che andranno a costituire il palinsesto che animerà la vita dell’area metropolitana milanese durante il semestre dell’Esposizione Universale.

Le iniziative già approvate dal Comitato di Coordinamento e inserite nella prima versione del calendario di Expo in Città sono già 200 e daranno vita a circa 7.000 appuntamenti quotidiani, divisi tra mostre, concerti, spettacoli, eventi sportivi, festival e manifestazioni sui temi agroalimentari e sociali, che andranno ad animare i 184 giorni di Expo. Giuliano Pisapia ha dichiarato che “la scommessa è difficile ma stiamo facendo passi avanti. Con la cabina di regia che abbiamo realizzato costruiremo eventi straordinari”. E’ proprio il sindaco di Milano a sottolineare l’importanza dell’evento, sottolineando come ”Expo in città sarà un punto di riferimento importante sul dibattito culturale sui temi di Expo”. Per poter rendere possibile il progetto presentato a Palazzo Marino “abbiamo scommesso di lavorare con tutte le forze sane della città, non accentrando tutto in Zona 1 ma espanderlo: oltre il 7% degli eventi avverrà fuori Milano, il 43% in centro, mentre il resto delle iniziative si svolgerà nelle varie zone della città”.

Altra novità introdotta è lo Sportello Expo in Città pensato per migliorare e facilitare i rapporti tra operatori e Pubblica Amministrazione sul fronte delle procedure autorizzatorie che oggi fanno capo a diversi Settori e Direzioni del Comune di Milano. Si tratta di un ufficio a cui i soggetti interessati a Expo potranno rivolgersi per avere tutte le indicazioni desiderate, a partire dalla presentazione delle le richieste per le autorizzazioni e le licenze per arrivare alla consultazione di un database che contiene le oltre 500 location disponibili per la realizzazione degli eventi.

Foto by InfoPhoto