Per l’Expo 2015 Milano ha attese pretenziose almeno quanto i numeri ipotizzati: 20 milioni di visitatori, una produzione lorda aggiuntiva per l’Italia di 25 miliardi di euro e circa 200.000 posti di lavoro in nove anni (tra il 2012 e il 2020).

Sono queste le stime della Camera di commercio di Milano e dl suo leader Carlo Sangalli, che dichiara: “Questa opportunità deve essere colta in maniera positiva da parte delle imprese, ma anche da parte delle istituzioni. E’ un messaggio che noi vogliamo lanciare in questa occasione nei confronti del prossimo governatore e del prossimo governo“.

L’amministratore delegato della società Expo 2015 Giuseppe Sala, riguardo l’occupazione, invece, afferma: “Dai 200 mila posti bisogna scendere ai numeri piccoli e capire che tipi di professionalità e come trovare un collegamento tra domanda e offerta. Vogliamo lasciare al nuovo presidente della Regione, del Consiglio e anche Presidente della Repubblica questo messaggio forte“.