Un altro importante pezzo del mosaico di Expo Milano 2015 è stato inserito in questi giorni: il progetto scuola. Si tratta dell’insieme di modalità e iniziative con cui le scuole potranno partecipare all’esposizione universale milanese del prossimo anno. Il progetto è stato presentato a Roma nella sede del ministero dell’Istruzione. Innanzitutto i biglietti. Le classi scolastiche che visiteranno l’Expo pagheranno un biglietto ridotto al prezzo di 10 euro per ogni persona appartenente al gruppo. Si prevede che durante i sei mesi della manifestazione (dal 1° maggio al 31 ottobre 2015) saranno circa due milioni gli studenti che visiteranno i padiglioni allestiti alla fiera di Rho-Pero. Le classi interessate possono già prenotare la visita didattica compilando l’apposito modulo disponibile sul sito web di Expo.

Ci sono diverse iniziative collaterali legate alle scuole. Fra queste, il concorso “Policultura Expo”, realizzato con il Politecnico di Milano. Si chiede alle classi partecipanti di sviluppare progetti di digital storytelling. E’ poi attivo un sito web tutto dedicato alle scuole, raggiungibile all’indirizzo http://www.progettoscuola.expo2015.org/. Qui è possibile trovare tutte le informazioni che interessano le scuole. In particolare, è possibile “chiedere a Foody”, la mascotte di Expo 2015. Si tratta di una chat attraverso la quale il software che prende la forma di Foody risponderà alle domande degli studenti relative al progetto scuola. Trattandosi di interazione elettronica e non umana, le domande devono essere sempre brevi e il più possibile precise.

Foto: Expo 2015