Un passeggero ha lanciato un falso allarme bomba sul volo Torino-Roma delle 21 operato dalla compagnia aerea Alitalia. L’uomo ha telefonato alla Polizia dicendo di aver sentito parlare due arabi di un attentato sull’aereo.

La segnalazione ha fatto immediatamente scattare le procedure di sicurezza. L’Airbus è stato evacuato e le forze dell’ordine hanno setacciato il velivolo e l’area alla ricerca di ordigni e di persone sospette. I controlli non hanno però rivelato la presenza di bombe a bordo del volo Torino-Roma.

Successivamente gli inquirenti hanno scoperto che a lanciare il falso allarme bomba era stato un passeggero irritato con la compagnia Alitalia che ha pensato di vendicarsi con una segnalazione. All’uomo era infatti stato impedito di salire a bordo del volo precedente in partenza per Roma alle 19:30. L’uomo aveva prenotato l’aereo delle 21 ma voleva anticipare la partenza. Quando la compagnia aerea ha respinto la sua richiesta, il passeggero, un 46enne di Torino, ha cercato di boicottare il decollo del volo delle 21.

Segnalare la presenza di una bomba inesistente a bordo di un aereo non è però uno scherzo innocente che può restare impunito, bensì un reato di procurato allarme. L’uomo ha fatto finta di niente presentandosi all’aeroporto di Torino Caselle per imbarcarsi a bordo dell’aereo per Roma ma ad aspettarlo allo scalo aereo c’erano gli agenti della Polaria.

Falso allarme bomba, passeggero ammette: l’ho fatto per ripicca

L’uomo è stato interrogato a lungo dagli inquirenti e dovrà rispondere oltre che del reato di procurato allarme anche di interruzione del servizio. Inizialmente gli agenti hanno pensato che l’uomo avesse effettuato la segnalazione perché rischiava di perdere l’aereo ma il 46enne ha chiarito che si è trattato di una ripicca.

Il volo Torino-Roma dell’Alitalia è partito con ben 2 ore e mezza di ritardo a causa dei controlli d’emergenza scattati a seguito della segnalazione della bomba a bordo. Un ritardo che ha causato ulteriori disagi ai passeggeri, già turbati per il falso allarme bomba.