Un’esplosione si è verificata in un poligono di tiro privato a Portomaggiore, in provincia di Ferrara e, secondo le prime informazioni fornite dai vigili del fuoco prontamente intervenuti sul posto, tre persone hanno perso la vita e altre sono rimaste ustionate. I feriti sono stati trasportati in ospedale. All’esplosione, che ha provocato 3 morti e feriti, è seguito un grosso incendio. L’incidente è avvenuto verso le ore 10 in un poligono in via Carlo Cattaneo, situato al secondo piano di un piccolo capannone di circa 400 mq. Durante le operazioni per spegnere l’incendio sono rimasti feriti anche due vigili del fuoco a causa del crollo di un solaio ma, da quanto si è appreso, non sarebbero in gravi condizioni.

La struttura è di proprietà di un’associazione privata e risulta aperta da pochi mesi. Al momento dello scoppio, a quanto si è appreso, sulla linea di tiro si trovavano una decina di persone. I carabinieri che indagano sul caso non pensano ci siano piste alternative all’incidente: l’ipotesi prevalente è una saturazione nell’ambiente del poligono di gas prodotti dalle esplosioni delle armi. In questo caso o si è formato un eccesso di gas, oppure non sarebbe stato rispettato il tempo di attesa per consentire al sistema di aerazione di espellere i gas.

Le autorità hanno disposto verifiche amministrative sulle autorizzazioni richieste per l’apertura della struttura e su quelle effettivamente concesse.