Manuela Macario, presidente Arcigay Ferrara, richiamata in spiaggia per comportamenti ritenuti “inopportuni” dai gestori di un bagno a Lido di Spina, nel ferrarese.

“Alcuni clienti si sono lamentati di comportamenti inopportuni tenuti in spiaggia da te e dalle ragazze che stanno con te, certe cose non si fanno”, queste le parole che i gestori del bagno avrebbero riferito alla donna, che è andata su tutte le furie riportando il fatto sulla sua pagina Facebook.

La presidente di Arcigay Ferrara, 45 anni, denuncia su Facebook un clima di intolleranza nei confronti delle donne lesbiche: “Ho chiesto ai gestori di spiegarmi meglio a cosa si riferissero con comportamenti inopportuni e non hanno saputo darmi una risposta. Ipotizzo una carezza, una mano nella mano, un bacio: è osceno forse questo? Niente che non farebbero coppie etero in una spiaggia affollata. Ma era evidente nel nostro caso l’allusione sottintesa era al fatto che eravamo lesbiche. Non ci volevo credere, ho deciso di rendere noto questo brutto episodio di omofobia perché non è ammissibile. Forse un tempo mi sarei detta: non vado più lì. Ma è un continuo, è ora di dire basta

Dal canto loro, i titolari del bagno spiegano di aver semplicemente ricevuto delle lamentele da parte di alcuni clienti del bagno e avrebbero così agito per chiarire la situazione: “Ho recepito le segnalazioni di alcuni clienti che hanno riferito di comportamenti poco opportuni – spiega uno dei gestori del bagno – La Macario la conosciamo bene, è nostra cliente da 10 anni, e le abbiamo riferito la segnalazione. Io non non ho visto, non so quale sia il problema e non ho approfondito perché volevo starne fuori